Tuite Jutsu – Kata Bunkai


Tuite Jutsu & Bunkai Jutsu

Introduzione …

Il Tuite Jutsu rappresenta uno dei pilastri fondamentali di quello che era il Karate Jutsu praticato ad Okinawa prima che lo stesso diventasse moderno. 

In effetti, il Karate antico comprendeva: Atemi Jutsu “L’arte di colpire”, il Tuite Jutsu“l’arte delle leve articolari e delle immobilizzazioni”, il Kyusho Jutsu “studio dei punti vitali”, il Tegumi “la lotta” e il Kiko“lo sviluppo dell’energia interna”.

Tui afferrareTe mano, ossia arrestare o afferrare l’avversario usando le mani.

Appartengono a questa categoria specifica, tutto lo studio e tutte le tecniche che riguardano “l’arte dell’afferrare, controllare e colpire l’avversario sottomettendolo”. Secondo alcuni importanti maestri, molti praticanti di Karate non lo sanno o meglio non si sono accorti che il Tuite Jutsu è nascosto nei Kata e nel Kihon, indipendentemente dallo stile praticato.  Secondo alcuni maestri di Okinawa, il Tuite Jutsu essendo praticato e usato dalle guardie del corpo del re, risulta poco conosciuto dai praticanti di Karate moderno.

Sun Tzu nel suo capolavoro “L’arte della guerra” scrisse: “Sconfiggere il nemico senza combattere è la massima abilità”. In questo caso possiamo capire che non sempre la soluzione migliore sia quella di colpire il nostro avversario, diverse volte sarebbe meglio se riuscissimo a controllarlo senza ferire.

Tuttavia, resta quasi impossibile applicare il Tuite Jutsu durante una lotta, generalmente lo si applica dopo aver inflitto un colpo per riuscire ad afferrare il proprio avversario e controllarlo.

Bunkai…

Il Bunkai rappresenta la parte fondamentale del Kata, indipendentemente se lo stile sia Shotokan, Shito Ryu, Goju Ryu, Samashiki Ryu ecc. La forma (Kata) deve essere studiata in ogni minimo particolare, dal caricamento della tecnica alla conclusione della stessa, le sorprese sono davvero tante per gli appassionati.

Dobbiamo ricordare che i Kata sono “Latte ai bambini e carne agli adulti”, la reale applicazione viene mascherata da tutti i movimenti. Basta studiare e approfondire e le sorprese non tarderanno ad arrivare.

Il Kata (forma) viene analizzato come un processo denominato “Retroingegneria” dove dalla tecnica e applicazione marziale si arriva alla forma. Un processo inverso di come accade naturalmente.

Semplici tecniche sia di Karate (Shotokan – Shito Ryu – Goju Ryu ecc) e Samashiki Ryu, come gli Uke Waza (Tecniche di parata) tanto per citare le più famose: Age Uke – Soto Uke – Gedan Barai – Ude Uchi Uke – Juji Uke – Ecc, nascondono delle micidiali tecniche di leva articolare.

Leve Articolari alle dita

Nel Samashiki Ryu viene data importanza come programma di base le “leve alle dita”. Prima di apprendere le tecniche, la cosa più importante da fare è capire la struttura delle dita. La giuntura del dito è composta da (ossa, legamenti, cartilagini, tendini e muscoli) e le leve articolari sono tutti quei movimenti considerati “non naturali” delle dita stesse.

Le leve alle dita possono essere di diverse tipologie e vengono effettuate o sulle singole dita o su più dita con lo scopo di sottomettere l’avversario senza causare danno.

photo5818663681230219502

Esempio,uno tra i tanti Kata che sembra innocuo o per principianti HEIAN SHODAN (Shotokan Ryu) nasconde delle micidiali tecniche di leva e proiezione.

Sotto alcune tecniche del Kata Shiro Tsuru (Scuola Samashiki Ryu)

In particolare si lavora con:

– Lavoro e manipolazione delle articolazioni.
– Lavoro nell’afferrare i muscoli (Tecniche di artiglio per strappare e lacerare)
– Lavoro e intrappolamento degli arti con sottomissione (dita, polsi, spalle, ecc)
– Bloccare il respiro.
– Ostruire o bloccare le vene o le arterie.
– Studio delle leve articolari e proiezioni.
– Studio e applicazione scientifica dei Punti Vitali.

Sostanzialmente le tecniche di Tuite Jutsu si possono dividere in:

Attive: tutte le tecniche che eseguiamo contro un avversario. In questo caso siamo noi a cominciare l’azione sottomettendolo.
Passive: tutte le tecniche usate per liberarsi da un avversario che ci afferra o ci immobilizza.

Una delle caratteristiche fondamentali del Tuite Jutsu è che veniva praticato dalle guardie imperiali e ancora oggi molte tecniche sono utili alle forze di polizia dove occorre bloccare un criminale senza ferirlo.

ASD I CINQUE ANELLI – all rights reserved 2016

(Visited 663 times, 1 visits today)